GENO CFC

Genoa Cfc, 14 i tesserati positivi al Covid

Un comunicato stampa che lascia senza fiato e offre profondi spunti di riflessione.

Lo ripartiamo integralmente dal sito ufficiale del Genoa Cricket and Football Club:

Il Genoa Cfc comunica che dopo gli accertamenti odierni il numero di tesserati positivi a Covid-19 è salito a quattordici tesserati tra componenti team e staff. La Società ha attivato tutte le procedure previste dal protocollo in vigore e informato le Autorità per le procedure correlate. Il Club fornirà prossimi aggiornamenti dettati dall’evoluzione.

Si aggrava, dunque, un quadro di per sé già preoccupante: ricordiamo, infatti, che già due calciatori della compagine ligure erano risultati positivi nell’immediata vigilia di Napoli v Genoa.

Inevitabile, perciò, che ora tutta l’attenzione si sposterà proprio sul club azzurro: la speranza, di tutti, è che il match di domenica scorsa possa non configurarsi come il principio di un drammatico focolaio.

KK_GENOA

6-0 al Genoa: vola il Napoli di KK e FG

Tennistico: si dice sempre così, in questi casi.

Partita senza storia al San Paolo. Troppo Napoli per il Genoa: enorme la differenza tecnica tra le due squadre in campo, a cui si è andata ad aggiungere la vigilia di apprensione vissuta dai rossoblu a causa della positività al Covid del portiere Mattia Perin e la presunta (poi confermata) di Lasse Schöne.

Al riposo sul risultato di 1-0 (Lozano 10′), nel secondo tempo vero e proprio tiro a segno alla porta difesa del malcapitato Marchetti trafitto in rapida sequenza da Zielinski (46′), Mertens (57′), ancora Lozano (65′), Elmas (69′) e Politano (72′).

Unico neo, l’infortunio muscolare occorso a Insigne al minuto 23: proprio dopo l’uscita di Lorenzo, la fascia di capitano è passata al braccio di Kalidou Koulibaly: in campo per 90 minuti, KK ha offerto una prestazione (la 248ª ufficiale in maglia azzurra) sontuosa e arricchita da ben 13 recuperi (più di tutti, almeno 6 in più di ognuno dei suoi compagni di squadra), 117 palloni giocati (nessuno più di lui) e 10462 metri percorsi.

A fine gara, attraverso i suoi canali social, Kalidou ha parlato con i numeri: «2 partite, 6 punti, 8 gol fatti, 0 subiti: non male», a testimonianza di un grande lavoro di squadra fino ad ora svolto dai ragazzi di Gattuso.

In campo, dal 73′, anche Faouzi Ghoulam: un ritorno importante che fa ben sperare per il futuro di un calciatore che, in passato, ha dimostrato di essere tra i più forti al mondo nel ruolo di laterale difensivo di sinistra.