perez_covid

F1, GP Gran Bretagna: Sergio Perez positivo al Covid-19

Sergio Perez, pilota messicano della scuderia Racing Point, è risultato positivo al Coronavirus, il secondo tampone ha confermato i timori dello staff sanitario.

Il 30enne, già in quarantena preventiva prima degli accertamenti clinici, è in buone condizioni di salute. Isolate tutte le persone entrate in stretto contatto con il pilota.

Perez salterà dunque il GP di Silverstone, ma la competizione prenderà il via regolarmente: come affermato da Ross Brawn, la positività di un pilota non comporta la cancellazione di una gara.

Siviglia Bud

Siviglia, Gudelj positivo al Covid-19. Tra una settimana la sfida in Europa con la Roma

Nemanja Gudelj, giocatore serbo in forza al Siviglia, è risultato positivo al Coronavirus.

Lo ha confermato via social lo stesso calciatore: «Confermo di essere risultato positivo al Covid-19 e che non ho alcun sintomo. Spero di poter raggiungere presto i miei compagni e giocare con loro in Europa League. Vi abbraccio tutti».

Secondo il protocollo sanitario vigente nella Liga, il Siviglia ha annullato gli allenamenti, sanificando il centro sportivo. Tutto il personale è stato sottoposto a due tamponi.

Giovedì 6 agosto le ‘palanganas’ dovranno disputare l’ottavo di finale di Europa League contro la Roma, fortemente a rischio la presenza del nazionale serbo.

Diaz RealMadrid

Real Madrid, Mariano Diaz positivo al Coronavirus

Mariano Diaz, attaccante dominicano del Real Madrid, è risultato positivo al Coronavirus. Il calciatore classe 93 ha avuto qualche giorno libero dopo la vittoria della Liga: al suo ritorno è risultato positivo ai test effettuati dallo staff sanitario delle merengues.

A renderlo noto è stato lo stesso club spagnolo con un comunicato: “Dopo i test al Covid-19 eseguiti individualmente ieri sulla nostra prima squadra di calcio dallo staff medico del Real Madrid, il nostro giocatore Mariano è risultato positivo. Il giocatore è in perfetta salute e sta seguendo il protocollo sanitario di isolamento a casa sua”.

Maratona NY

New York e Berlino, maratone 2020 cancellate

Non riescono nello sprint vincente le Maratone di New York e Berlino: i due famosissimi appuntamenti internazionali sono annullati, la passione dei runner di tutto il mondo è costretta ad arrendersi al Covid-19.

Le conseguenze della pandemia sono troppe e le restrizioni per gli eventi di massa non avrebbero in alcun modo permesso lo svolgimento degli eventi sportivi.

La competizione statunitense si sarebbe disputata il 1° novembre, la tedesca il 27 di settembre; gli iscritti avranno la possibilità di un rimborso totale o l’invito alle edizioni del 2021.

Gli atleti attendono con ansia le sorti degli eventi di Londra e Chicago, in forte dubbio il loro svolgimento.

Juventus-all-sttadium

FIGC, un minuto di silenzio per ricordare le vittime del Covid-19

Il calcio italiano ricorda le vittime della pandemia di COVID-19: la Federazione ha disposto un minuto di silenzio prima di tutti i match che si disputeranno in Italia, dalle semifinali di Coppa fino al playout della Serie C.

Anche noi di Beclay ci uniamo nel ricordo delle oltre 34mila persone scomparse a causa della diffusione del nuovo Coronavirus.

Di seguito il comunicato della FIGC:

In occasione della ripresa delle competizioni calcistiche, il presidente federale Gabriele Gravina ha disposto un minuto di raccoglimento prima dell’inizio delle semifinali e della finale di Coppa Italia di Serie A, delle gare della prima giornata dei campionati organizzati dalla LNP Serie A e LNP Serie B che vedrà la partecipazione di tutte le squadre, nonché della finale di Coppa Italia di Serie C e delle gare della prima fase dei play-off e play-out di Serie C per ricordare tutte le vittime della pandemia di COVID-19.

EuroColl

Calcio e Covid-19, la situazione in Europa

.Il calcio scozzese alza bandiera bianca e si arrende al Covid-19: la Scottish Professional Football League ha scelto di chiudere il campionato a causa dell’Emergenza Covid-19. Il Celtic è stato così dichiarato campione per la nona volta consecutiva. Dolorosa retrocessione per gli Hearts di Edimburgo.

Identico scenario nell’isola di Malta: la Malta Football Association (MFA) ha dichiarato concluse la Premier League e la Coppa Nazionale. Per l’assegnazione del titolo si attende la prossima riunione della Federcalcio.

In Inghilterra, invece, si avvicina la ripresa degli allenamenti: i club hanno votato all’unanimità il “Project restart”.

Nel mese di giugno si prevede il ritorno in campo anche in Grecia (Souper Ligka Ellada), partenza prevista il giorno 6 e Turchia (Süper Lig), con le squadre pronte  a calcare l’erba il 12.

In Spagna slitta il nuovo inizio: la Liga non partirà più il 12 , ma il 19 giugno. Attività rimandata a causa delle disposizioni del Governo che ha impedito la ripresa degli allenamenti di gruppo fino al primo giugno.

StadiumJ

Serie A, le linee guida per il Matchday

Sembra ormai certa la ripresa della Serie A. In attesa del 28 maggio, giorno deciso per le sorti della competizione, Sport Mediaset ha anticipato il futuro scenario negli impianti sportivi. Dal rettangolo di gioco agli spogliatoi, passando per ferree norme igienico-sanitarie e direttori di gara, saranno consistenti le regole da seguire.

STADIO
L’impianto sportivo sarà diviso in tre zone: area tecnica, spalti, area esterne stadio.

Massimo 300 persone in totale, massimo 100 per zona.

Le linee guida specificano dettagliatamente il numero delle persone nella varie zone in momenti diversi durante lo svolgimento della gara. Per esempio con il calcio d’inizio fissato alle 14, dalle 14 alle 17 sono previsti 22 giocatori in campo, 22 riserve e 20 dello staff. Il numero dei calciatori cala a 4 alla fine dell’evento. Anche i raccattapalle saranno 4. Regolamentato anche il numero dei giornalisti sugli spalti (10), degli steward e di tutti i membri della sicurezza.

LO SPOGLIATOIO
Utilizzare più stanze libere adiacenti possibile in modo da separare titolari, portieri e riserve. Non sarà permessa alcuna ripresa televisiva all’interno degli spogliatoi igienizzati.

CERIMONIALE DI GARA
Le squadre entreranno in campo in frangenti diversi onde evitare assembramenti. Vietate le strette di mano, la foto di squadra, non ci saranno mascotte e nemmeno i bambini che accompagnano di solito i calciatori.

LE INTERVISTE
Sia le interviste mini flash (fine primo tempo) che la super flash (fine gara) dovranno rispettare le distanze tra giornalista e calciatore di almeno 1,5 metri e realizzare con microfono boom. La Mixed zone rimarrà chiusa. Conferenza stampa modello F1: domande via skype-whatsapp, con presenza massima garantita di numero 3 titolari di diritto.

REQUISITI IGIENICO-SANITARI
Sono ovviamente previste rigidissime norme igieniche-sanitarie per garantira la massima sicurezza di tutti i presenti allo stadio. Tra squadre la misura delle temperatura corporea, utilizzo di disinfettanti, alimenti preparati e già confezionati, bottigliette d’acqua personalizzate, uso docce-spogliatoi in piccoli gruppi e con distanza minima di 2 metri. 

ARBITRI
Nessuna persona potrà accedere alla stanza/spogliatoio degli arbitri. Kit e distinte saranno posizionate fuori dalla loro stanza. Non ci saranno più raduni arbitrali. I calciatori non potranno più protestare nei confronti degli arbitri e non potranno avvicinarsi per alcuna ragione a meno di 1,5 metri di distanza.

FIFA futsal WC2020

Il Mondiale di futsal slitta al 2021

Il prossimo Mondiale di futsal, in programma dal 12 settembre al 4 ottobre 2020, slitta di un anno a causa dell’emergenza Covid-19.

Il Consiglio FIFA, dopo una approfondita valutazione dell’impatto della pandemia da Coronavirus, ha deciso che la competizione si giocherà dal 12 settembre al 3 ottobre 2021.

Saranno la Siemens Arena della capitale Vilnius, la Žalgiris Arena di Kaunas e la Švyturys Arena di Klaipėda a ospitare le 52 partite del torneo.

Oltre alla Lituania Paese ospitante, sono dodici le nazionali che hanno già staccato il pass per il Mondiale 2021: l’Argentina campione in carica, il Brasile, il Paraguay, il Venezuela, il Kazakistan, il Portogallo, la Russia, la Spagna, l’Angola, l’Egitto, il Marocco e le Isole Salomone. L’Italia è stata eliminata all’Elite Round di qualificazione giocato a Póvoa de Varzim (Portogallo), dopo aver vinto il Main Round di Eboli.